Quartucciu

Passato e presente di Quartucciu

Quartucciu Ŕ un centro di circa 13 mila abitanti a otto chilometri da Cagliari. L'origine del suo nome risale all'epoca della dominazione romana, quando per segnare le distanze da un paese all'altro venivano sistemate delle pietre miliari e Quartucciu distava da Cagliari quattro miglia.Dai ritrovamenti archeologici sappiamo che il suo territorio fu abitato sin dall'etÓ pi¨ antica: in localitÓ "Is Concas" a San Pietro Paradiso, si trova una tomba dei Giganti ( X, VI sec. a.c. ); nella zona montuosa dei sette fratelli si trovano i ruderi di quattro nuraghi; in localitÓ "Cuccurulinu" una tomba bizantina di epoca vandalica ( V-VI sec. d.c.) e solo qualche anno fa, durante gli scavi per la costruzione di un capannone, Ŕ stata ritrovata una necropoli utilizzata in epoche differenti ( prima e dopo Cristo ) proprio alla periferia del paese. Nel periodo medioevale Quartucciu fece parte del Giudicato di Cagliari (Ŕ di questo periodo la chiesetta di Sant'Efisio oggi all'interno del cimitero); nel'XI secolo pass˛ alle dipendenze di Pisa fino a quando nel XIV secolo gli aragonesi sbarcarono nel golfo di Quartu per la conquista della Sardegna. Nel periodo aragonese Ŕ stata costruita la chiesa madre a San Giorgio martire, cosi come risale a questo periodo il culto della Madonna della Difesa compatrona del paese, della quale si conserva una bellissima statua lignea del 1623. Quando nel 1720 la Sardegna entr˛ a far parte del regno Sabaudo, Quartucciu divenne feudo del re. Dopo essere stato frazione di cagliari per un lungo periodo, ormai dal 1983 si Ŕ costituito comune a sŔ. Sulla strada che porta da Cagliari a Quartucciu, all'altezza della zona " Is Pontis Paris " si trovano gli stagni di Molentargius e Bellarosa Minore, costituenti il Parco Regionale Molentargius, una bellissima oasi faunistica dimora di aironi, fenicotteri e trampolieri d'Italia.

Chiesa di Sant'Efisio

La chiesa di Sant'Efisio si trova dentro il cimitero. Fu costruita nel XIII secolo in stile romanico-pisano, con pianta rettangolare a navata unica. La facciata a capanna con campanile a vela, Ŕ abbellita da archetti pensili a tutto sesto. La chiesa Parrocchiale di San Giorgio Martire si trova nel centro storico, e fu costruita dagli Aragonesi, nel XIV secolo in stile gotico.

Pill'Ŕ Matta

Sito archeologico di epoca punico-romana. Si tratta di una necropoli scoperta per caso nel 2000, durante alcuni lavori nella zona industriale di Quartucciu. Le tombe individuate finora sono giÓ pi¨ di 200, e i reperti recuperati pi¨ di 2000, tra cui bicchieri, piatti, lucerne. La tipologia delle tombe Ŕ varia, tra cui quelle "a fossa" dalla forma rettangolare, o alla "cappuccina" tipica romana, infatti la necropoli Ŕ stata frequentata sin dal periodo punico dal IV secolo a.C. sino al V secolo d.C., nel periodo tardo romano.

Sa Dom'Ŕ S'Orcu

Si trova nella localitÓ di San Pietro Paradiso e risale al X-VI secolo a.C. ╚ una delle Tombe dei giganti pi¨ importanti e meglio conservate in Sardegna e si trova nel parco del monte dei Sette Fratelli (S.S. 125 km 20,200). Ha un impianto a "protome taurina stilizzata" con un corpo rettangolare appena rastremato verso il giro del fondo. Veniva usata per dare sepoltura ai morti e per riti religiosi, come testimoniano i tre pozzetti a nord del monumento.